28.08.2015

Confagricoltura: "La pizza è un capolavoro che unisce l'agricoltura all'abilità dell'uomo. L'1 settembre festa alla Vigna di Leonardo, per un Fuori Expo d'eccezione"

I produttori agricoli e i pizzaioli contribuiscono a mantenere alto il prestigio dell’Italia nel mondo. Pomodoro, farina, olio, pomodoro hanno dato vita ad un’eccellenza. Confagricoltura unisce il genio al gusto organizzando, l’1 settembre, una serata a Milano, nella Casa degli Atellani - Vigna di Leonardo, per celebrare la pizza.
 
 
608r4 Ciabatte Rosso Donna Rieker Wine
La pizza è universale. Nata a Napoli a fine ‘800, così come la conosciamo, è diventata famosa in tutto il mondo. Ancora più di e-mail, computer e mamma, la stessa parola viene usata dovunque, e senza traduzioni, per definire una delle eccellenze del ‘made in Italy’. Lo sottolinea Confagricoltura che celebrerà questo capolavoro, il prossimo primo Settembre, all’interno delle manifestazioni fuori Expo, in una location d’eccezione: la Casa degli Atellani -Vigna di Leonardo. 
 
La pizza è attuale. Non segue le mode e piace sempre a tutti, ma obbedisce – almeno in Italia - a regole precise e non scritte.  La BBC ha recentemente dedicato un servizio alla ‘pizza che non esiste’, ovvero alla richiesta, rifiutata, ad una sua giornalista di una Marinara con la mozzarella. La Marinara, spiega Confagricoltura, si chiama così perché è la più semplice ed antica delle pizze rosse. Solo pomodoro, aglio, origano e olio extravergine per sfamare i pescatori rientrati in porto.
 
La pizza è condivisione. E’, da sempre, un rito collettivo ed, in particolare, del sabato sera.  Compleanni da festeggiare, amici all’improvviso,  parenti, colleghi, davanti alla partita in tv… Difficile mangiarla da soli. Come dire: “Dividi una pizza moltiplica l'amicizia”.
 
La pizza è patriottica. Verde, rossa e bianca la margherita porta i colori della bandiera italiana in tutto il mondo. Si dice che la pizza preferita dagli italiani sia nata, nella pizzeria Brandi a Napoli, in onore della Regina Margherita di Savoia in visita. Non solo è fatta con i colori del Regno d’Italia, ma ancora oggi, sottolinea l’Organizzazione degli imprenditori agricoli, è la più consumata dagli italiani: ne mangiano, in media,  7,6 kg l’anno ciascuno, superati dagli USA che ne consumano ben 13 chili a persona.
 
La pizza è un alimento completo. Bastano pochi, semplici ingredienti, osserva Confagricoltura, per dare origine a un piatto equilibrato e sano. È un pasto completo perché fornisce i carboidrati dell’impasto, le proteine della mozzarella e i lipidi contenuti nell’olio. Perfino in ogni regime dimagrante si permette una pizza (almeno una Marinara) nel giorno libero.
 
La pizza è business. Stg dal 2010, vanta numeri da capogiro. In Europa Italia, Germania, Francia e Spagna assorbe il 78% del mercato. I ristoranti e le pizzerie tricolori all’estero sono ben 72 mila per un giro d’affari di 27 miliardi di euro. In Italia, mette in evidenza l’Organizzazione, si vendono cinque milioni di pizze al giorno, 56 milioni alla settimana, 1,6 miliardi all’anno, con un business da in costante crescita. Le 25.000 le pizzerie con servizio al tavolo e le altrettante take away, hanno un fatturato aggregato che sfiora i 9 miliardi di euro.
 
608r4 Rosso Ciabatte Rieker Wine Donna
La pizza è lavoro. Sono più di 150.000 unità gli occupati. I pizzaioli in Italia sono 2.000, che diventano 4.000 se si considerano gli impieghi stagionali. C’è forte necessità soprattutto di avventizi, limitati fine settimana, periodo in cui si registra il picco di produzione e di consumo. Di questi, 65.000 sono italiani, 20.000 egiziani e 10.000 marocchini.